Hard Boxe

SCHEDA ARTISTICA:

Monologo di e con Raffaele Romita
Assistente alla regia Mariantonia Capriglione
Costumi  e Scene Franco Colamorea
Organizzazione Liliana Tangorra

Max è un ragazzo omosessuale che fa a pugni con la vita. È un giovane pugile alla ricerca della dignità e del rispetto di sé. Un giovane uomo che si confronta con gli aspetti più difficili e reconditi della propria personalità.

Il progetto Hard Boxe nasce dalla volontà di mettere a fuoco la problematica legate all’omosessualità.

Sinossi
Max è un giovane uomo abituato a fare a pugni con la vita sin da quando era un bambino.
La scoperta della sua omosessualità lo ha portato a diventare una lastra di ghiaccio e a chiudere la diga delle emozioni e dei sentimenti. Max ha paura di non essere accettato, di essere vittima del bullismo, di farsi male. La perdita della propria identità lo spinge a nascondersi dietro l’unica immagine che lo fa sentire un vero Uomo: Un pugile.
Ogni incontro vinto è un punto che lo mette in vantaggio con la vita; ogni incontro perso un’ennesima sconfitta.
Crescendo, Max capisce di volere qualcosa di più dalla vita, le acclamazioni e le vittorie che osannano la sua sola immagine non bastano più. La solitudine e il sentirsi perennemente incompleto, la voglia di amare ed essere amato, lo spingono a cercare di prendere in mano la propria identità nascosta: l’obiettivo è essere accettato per quello che realmente è e non per i ‘guantoni che indossa’.

Comments are closed.